» Salta alla navigazione
» Salta alla navigazione istituzionale
» Salta alla sezione 'PrimoPiano'
» Salta alla sezione 'Argomenti'
» Salta alla sezione 'Contatti'
» Salta alla sezione 'Argomenti Correlati'
» Salta alla sezione 'Spazio Banner'
Sei in: Pianificazione Territoriale < Approfondimenti e piani d'area < Piani d'area < Le caratteristiche

Area Programmazione territoriale

Settore Pianificazione e programmazione delle infrastrutture

» Torna alla homepage


 

APPROFONDIMENTI E PIANI D'AREA


Cosa sono e come sono nati


I Piani d'Area rappresentano un’opportunità per mettere a sistema processi, esigenze, aspettative, attraverso l’adesione partecipata delle comunità locali al fine di gestire le trasformazioni del territorio in maniera coordinata.
 
Tali esperienze di copianificazione risultano particolarmente utili in quanto ricostruiscono un quadro analitico aggiornato delle dinamiche territoriali (economica, sociale, paesistico-ambientale e infrastrutturale) di ciascun ambito sub-provinciale e raccolgono le principali opportunità, progettualità e potenzialità selezionate e condivise dai Comuni appartenenti a ciascun Tavolo interistituzionale.

Il Piano d'area si configura, in sintesi, quale:

  • strumento programmatico, perché attiva politiche di governo del territorio coordinate e condivise dai Comuni, dalla Provincia ed eventualmente da altri enti (Regione, etc.);
  • strumento urbanistico-territoriale, perché mette a sistema le informazioni che riguardano il territorio e affronta problemi non risolvibili alla scala del singolo comune;
  • strumento operativo, perché contiene obiettivi, politiche e progetti di breve-medio termine e definisce strategie di lungo periodo;
  • strumento di supporto alla costruzione dei nuovi Piani di Governo del Territorio (PGT) comunali perché ricostruisce un quadro di riferimento strategico e conoscitivo ad ampia scala;
  • meccanismo di attuazione e di aggiornamento dinamico del PTCP;
  • strumento per  favorire la coesione amministrativa nella gestione del territorio e la formazione di un'adeguata massa critica in grado di influire sui livelli superiori della pianificazione;
  • strumento sperimentale, perché per interventi di rilevanza sovracomunale sollecita l’introduzione di politiche di perequazione per un’equa ripartizione territoriale dei benefici e degli oneri.
 
 
 

Settore Pianificazione e Programmazione delle Infrastrutture Agricoltura Parchi Caccia e pesca

Provincia di Milano | Settore Pianificazione e Programmazione delle Infrastrutture
P.IVA 02120090150 | PEC: protocollo@pec.provincia.milano.it